L’energia nucleare risolverà i problemi energetici dell’Italia?

volantino No nucleare-okdoppiofrontvolantino No nucleare-okdoppioretro

Nonostante le evidenti controindicazioni, il governo italiano punta sul nucleare per risolvere i problemi energetici del nostro paese.

Per questo ci siamo impegnati a raccogliere varie informazioni per capirne di più in merito.

E l’informazione più sorprendente che abbiamo appreso è che il nostro sistema energetico non ha una programmazione ed è decisamente obsoleto.

Di più: NON SERVONO NUOVE CENTRALI!!!

Questo perchè ha un’altissima quantità di dispersione e la maggior parte delle centrali termoelettriche hanno una resa molto bassa (38% circa).

A questo aggiungiamoci gli enormi sprechi causati da abitazioni ed edifici che consumano mediamente 10 volte di più di un’abitazione costruita in Germania, dalle abitudini sbagliate delle persone, da elettrodomestici obsoleti.

Insomma il nostro sistema energetico è come uno SCOLAPASTA.

E puntare sul nucleare è come voler riempire lo scolapasta aumentando la portata d’acqua.

Con l’aggravante che il nucleare provoca, attraverso le scorie e i possibili incidenti, danni irreparabili per l’ambiente.

Ci arriverebbe anche un bambino a capire che la prima cosa da fare è tappare i fori, ovvero migliorare le efficienze ed eliminare gli sprechi.

Con un adeguato RISPARMIO ENERGETICO, in tempi brevi sarebbe possibile dimezzare il fabbisogno energetico del nostro paese.

E dopo questo passo diventerebbero molto più convenienti anche le fonti rinnovabili, le uniche vere alternative per il futuro.

Eppure, chissà perchè, nonostante tutto ciò e nonostante la crisi economica ed un debito pubblico di proporzioni incalcolabili, si va verso la catastrofe nucleare.

E sottolineo catastrofe, dato che non sono ancora riusciti a smaltire le scorie delle vecchie centrali chiuse nel 1987.

Dove metteranno quelle nuove?

Nel volantino sono inoltre elencate tutte le principali controindicazioni che comporta l’energia nucleare.

Condividi sui Social

Lascia un commento