L’incrocio semaforico di S.Anna di Chioggia va messo in sicurezza al più presto

Avevamo evidenziato in campagna elettorale nel Marzo 2011, con un articolo e video su chioggia5stelle.it, l’estrema pericolosità in cui si trova l’incrocio semaforico sulla Statale Romea a S.Anna di Chioggia. Da allora nulla è cambiato. Quasi tutti violano di gran lunga i limiti di velocità, veicoli che spesso proseguono il transito nonostante il segnale semaforico rosso, sorpassi in pieno incrocio sia a destra che a sinistra, insomma una vera zona franca.

Si è verificato lo scorso 7 Dicembre 2011 un sinistro che fortunosamente non ha mietuto vittime e feriti (a parte l’autista del mezzo) e tra l’altro anche qui non si capisce perchè mentre i danni subiti dal terreno privato adiacente al sottopasso siano stati giustamente ripristinati in pochi giorn, quelli subiti dalla parte pubblica dove ogni giorno transitano decine di pedoni e cicli, siano ancora presenti. Il motivo non è dato a sapersi. Così il muretto del sottopasso si trova ancora con armatura divelta pericolosamente sporgente e l’unica striscia di terreno di passaggio tra il ciglio della Statale Romea ed il muretto di calcestruzzo del sottopasso rimane ancora parzialmente in dissesto. Di asfaltatura, come per il resto del terreno privato, nemmeno l’ombra.

Per il resto la situazione è rimasta invariata. Certo l’amministrazione comunale si è insediata a giugno 2011 a bilancio di previsione 2011 già steso dal commissario, ora però il bilancio 2012 lascia mano libera alla nuova giunta, per cui gli interventi essenziali di messa in sicurezza del punto tra i più pericolosi del Comune di Chioggia, vanno fatti al più presto. Sotto l’aspetto puramente veniale del resto, anche solo un sinistro con gravi danni, reputabile alla mancanza di sicurezza non attuata dal Comune con relativa azione legale, potrebbe rivelarsi per il comune di Chioggia economicamente molto più svantaggioso degli interventi preventivi di messa in sicurezza.

Ho presentato per questo un Ordine del Giorno che verrà discusso in Consiglio Comunale, per impegnare l’amministrazione in interventi di messa in sicurezza dell’intersezione. In periodo di crisi economico-finanziaria non parliamo necessariamente di grandi investimenti, come l’esproprio di immobili confinanti in quel punto e riprogettazione di tutta l’intersezione, ma di piccoli interventi che porterebbero comunque l’incrocio ad un livello di sicurezza più accettabile.

In particolare avevamo proposto:

L’Inserimento di appositi attraversamenti pedonali e ciclabili a prenotazione nell’incrocio in questione o almeno l’installazione di una idonea segnaletica dissuasiva per presenza pedoni e finalizzata alla diminuzione della velocità dei veicoli;

Il completamento della pista ciclabile nel tratto dal sottopassaggio all’incrocio con via Cannoni;

L’installazione di un sistema di controllo automatico del semaforo e della velocità attivo 24h al giorno.

Sarà poi cura dei dirigenti competenti e dell’amministrazione valutare quali soluzioni saranno le più idonee, di sicuro però non è tollerabile che nulla venga fatto e che l’intersezione rimanga nello stato di insicurezza attuale.

Gilberto Boscolo – Consigliere comunale


Condividi sui Social

Lascia un commento