Bilancio di previsione 2012: le mani legate dell’amministrazione

Che di questi tempi ci siano difficoltà economiche e finanziarie per tutti gli enti pubblici, si sa. Non fa eccezione il Comune di Chioggia che per il 2012 subirà una diminuzione ai trasferimenti statali di circa 5 milioni di € rispetto al 2011. Ergo, per far quadrare i conti il comune potrà imporre nuove tasse o compartecipare ad altre tasse nazionali.

E qui può emergere l’abilità degli amministratori locali. Tuttavia far quadrare i conti aumentando le tasse è una manovra alla portata di chiunque, la bravura sta nel razionalizzare le spese e tagliare possibili sprechi ed inefficienze senza influire sui servizi essenziali.

A Chioggia l’amministrazione ha deciso di andare oltre, ovvero di aumentare le spese rispetto al 2011, con un aumento di 120.000€ con il bilancio di previsione, mentre rispetto a quanto è stato in realtà speso nel 2011 l’aumento sale a 2,6 milioni di €. In pratica per far fronte ad una riduzione dei trasferimenti statali scesa da 11 milioni di € a 7 milioni di € si è deciso di aumentare le spese e di istiturie delle imposte proporzionandone il gettito in base al fabbisogno di queste due principali macrovoci. Le accese proteste che si possono sentire dal video sono dovute a questo.

Nessuno dice, demagogicamente, che si poteva non istituire le nuove imposte, ma bensì che si poteva istituirle con un peso inferiore per le tasche dei già tartassati cittadini chioggiotti dimostrando che anche l’amministrazione fa dei sacrifici in un periodo di vacche magre. Il bilancio di previsione 2012 viene infatti equilibrato grazie a tre nuove imposte: IMU per circa 10 milioni di € (di cui 6,7 andranno allo Stato), Addizionale IRPEF per 2,4 milioni di €, Tassa di soggiorno per 1,35 milioni di €.

MANI LEGATEVe li ricordate i 205000€ che lo schieramento PD-UdC-L.Casson dichiarò di spendere per la campagna elettorale? Vi ricordate che il M5S spese invece solo 2000€? Bene, quando in campagna elettorale il M5S attaccò le altre forze politiche ed in particolare l’attuale maggioranza, affermando che una volta eletti avrebbero governato con l’obbligo di rispondere ad altre forze e non certo ai comuni cittadini, venimmo accusati di demagogia. Ecco invece come il bilancio di previsione 2012  conferma la nostra tesi. Ne vedremo altri esempi, nei prossimi tempi, nel segno di vecchi schieramenti politici che tentano trasformismi “estetici” ma che nella sostanza non cambiano nulla.

In tutto ciò tutto ciò emblematica risulta essere l’ostinazione a voler mantenere in vita l’antieconomica società SST spa (sulla cui regolarità normativa torneremo con altri articoli dettagliati), che batte cassa per 2,7 milioni di € e tutta una serie di aumenti su vari capitoli di spesa, come ad esempio quello per manifestazioni turistiche varie che viene aumentato rispetto al 2011 da 256000€ a 310000€ (saranno forse le famose luminarie natalizie?), Soggiorni climatici per anziani che passa da 300000€ a 350000€, spese adeguamento strumenti urbanistici da 20.000€ a 190.000€, Contributo bici elettriche +€5000, spese varie (sociale) da 77.000 a 140.000, contributi a privati per 300000€, spese bonifica discariche abusive, da 304.000€ a 400.000€ (ma non sarebbe competenza di Veritas la cui bolletta è aumentata del 38% in 2 anni?).

LE PROPOSTE – Il Movimento 5 Stelle, pur conscio della chiusura pressochè totale della maggioranza (“siamo aperti a contributi dell’opposizione, purchè le entrate dalla nuove tasse non vengano toccate”-nda), ha elaborato 23 emendamenti di mirati a ridurre le spese non essenziali e di conseguenza le aliquote delle varie tasse. In sintesi, si propone di ridurre il gettito IMU di 1.145.000€ abbassando l’aliquota ordinaria da 0,87 a 0,81%, ridurre il gettito IRPEF di 380.000€, ridurre il gettito della tassa id Soggiorno di 702.000€. Questi i 23 emendamenti al Bilancio 2012 (parte 1 e parte 2), gli emendamenti sul Regolamento IMU (tutti respinti con 14 NO e 1 SI), gli emendamenti al Regolamento sulla Tassa di Soggiorno (tutti respinti).

Sottolineo che in generale tutta l’opposizione non ha avuto possibilità di analizzare in maniera approfondita le voci di entrata e spesa, sia per i tempi stretti in cui è stata consegnata la documentazione (9 giugno), sia per la mancata consegna di di altri documenti di previsione delle entrate rapportate alle aliquote delle tre nuove tasse.

Gilberto Boscolo – consigliere comunale

ps: nel consiglio comunale del 28/06/2012 dopo aver presentato gli emendamenti sull’imu (due dei quali mirati a tutelare anziani, disabili e giovani con mutuo con reddito inferiore ai 25000€), tutti respinti, ho deciso per protesta di abbandonare l’aula.

Condividi sui Social

Lascia un commento