Il M5S in difesa del Tribunale di Chioggia, presentate due interrogazioni al Senato e alla Camera dei Deputati

Il Movimento 5 Stelle in difesa del Tribunale di Chioggia. Sono state presentate al Senato dal Senatore Enrico Cappelletti (cofirmatari i Senatori Giovanni Endrizzi e Gianni Girotto) e alla Camera dei Deputati dalla Deputata Francesca Businarolo, due Interrogazioni per sollecitare il Ministro e chiedere una proroga alla chiusura del Tribunale di Chioggia. Entrambi i proponenti sono infatti menbri delle rispettive commissioni Giustizia di Senato e Camera.

Tutti siamo consci del gravissimo danno che questo porterebbe sia alla città di Chioggia, che ai comuni limitrofi di Cavarzere e Cona (circa 70.000 abitanti nel complesso). Il Decreto Legislativo 155/2012 che chiuderà il prossimo 13 Settembre 2013 il Tribunale di Chioggia non ha tenuto minimamente conto delle peculiarità dei territori ed in particolare del nostro, collegato a Mestre solo dalla Statale Romea (la più pericolosa d’Italia) con un tempo di arrivo di quasi due ore e tutta una serie di contraddizioni (vedi testo sotto) che sicuramente non renderanno il sistema gidiziario italiano più veloce, ma lo rallenterà ulteriormente e non otterrà risparmi economici di rilievo.

Il Comune di Chioggia aveva appoggiato il ricorso al TAR Lazio (D.Giunta comunale 94/2013), approvato almeno un Ordine del Giorno contro la chiusura, segnalato con lettera del Sindaco Casson le gravi conseguenze derivanti dalla chiusura del Tribunale, ma ad oggi nessun risultato è stato ottenuto. Nel frattempo abbiamo assistito però a diverse proroghe emesse a favore di altri tribunali nel territorio nazionale (Gallarate, Legnano, Voghera, Vigevano ecc.), chiaro segnale che una proroga anche per Chioggia non è un’utopia. Auspichiamo in un ripensamento da parte del Ministro Cancellieri come previsto dall’art. 8 del D.Lgs. 155/2012.

Ringraziamo il comitato Salviamo il Tribunale di Chioggia ed i parlamentari del M5S che hanno prontamente risposto alle nostre segnalzioni dal territorio, a dimostrazione della loro presenza e della dinamica attività parlamentare che svolgono quotidianamente.

Gilberto Boscolo e tutto il gruppo M5S di Chioggia

Il testo dell’interrogazione

INTERROGAZIONE SCRITTA

SEN.CAPPELLETTI- Al Ministro della Giustizia

Premesso che :

l’art 1 della legge 148/11 delega al Governo l’emanazione di uno o più decreti legislativi per riorganizzare la distribuzione sul territorio degli uffici giudiziari;

in particolare l’art 1 del decreto legislativo 155/12 attuativo della predetta delega, ha disposto la soppressione, tra gli altri, della Sezione distaccata di Chioggia del tribunale di Venezia a decorrere dal 13/09/2013;

Considerato che :

la sede del tribunale di Chioggia non comporta oneri economici per lo Stato, poiché ubicata in un edificio di proprietà comunale la cui gestione è già a carico del Comune di Chioggia, che intende accollarsi tutte le spese di gestione e manutenzione, dalla data di soppressione e per tutto il suo successivo utilizzo;

la sede del Tribunale di Venezia non sembra disporre attualmente di spazi sufficienti e adeguati ad accogliere tutte le sezioni distaccate soppresse;

la soppressione dell’ufficio giudiziario di Chioggia comporterà gravi disagi e spese per i cittadini, gli operatori in genere del diritto,rendendo più gravosa l’accesso alla giustizia per la popolazione della seconda città, per grandezza e numero di abitanti, della provincia di Venezia ;

l’unica strada che collega Chioggia a Venezia è la S.S.Romea n. 309, già intensamente trafficata e una tra le più pericolose in Italia per incidenti stradali, per cui lo spostamento della sede del Tribunale comporterebbe un ulteriore aggravamento delle condizioni di traffico e dei suoi rischi tale da lasciar presumere altre conseguenze negative per la città;

i tempi di percorrenza da Chioggia a Venezia con i mezza pubblici sono circa di un’ora e trenta minuti ai quali si aggiungono i tempi necessari per raggiungere le sede giudiziarie;

Si chiede di sapere

quali atti intenda adottare il ministro interrogato al fine di procedere ad una più attenta e puntuale analisi delle conseguenze negative, in termini di economicità e funzionamento della macchina giudiziaria, che la soppressione della sezione distaccata di Chioggia del Tribunale di Venezia comporterebbe, alla luce delle peculiari caratteristiche legate alla specificità territoriale e alle evidenti criticità di accorpamento;

se intenda al fine di prevenire una serie di disservizi a catena,che pregiudicherebbero irrimediabilmente il diritto alla giustizia di molti cittadini veneti, in attesa di una riorganizzazione più equa su base nazionale, prevedere la proroga di cinque anni di cui all’art 8 D.lgs. 155/12;

quali iniziative di carattere normativo intenda assumere al fine di rivedere la normativa vigente prevedendo l’esclusione della sezione distaccata di Chioggia del tribunale di Venezia dal procedimento di accorpamento e se non intenda valutare l’opportunità di disporre una proroga del termine di entrata in vigore del D. Lgs.155/12, considerando anche il parere unanime in tal senso espresso dalla Commissione Giustizia del Senato

 

Condividi sui Social

Lascia un commento